Percorso Prezi iTec 5 (4° Punto – Arte Romanica)

ARTE ROMANICA:
(Ricerca eseguita seguendo il percorso elaborato su Prezi; per vedere il nostro Prezi cliccare sul seguente link: https://h2team3.wordpress.com/2014/04/08/la4-address/ )
Il romanico è quella fase dell’arte medievale europea sviluppatasi a partire dalla fine del X secolo all’affermazione dell’arte gotica, cioè fin verso la metà del XII secolo in Francia e i primi decenni del successivo in altri paesi europei (ItaliaInghilterraGermaniaSpagna). Il termine art roman venne impiegato per la prima volta dall’archeologo francese Charles de Gerville in una missiva del 1818 al collega ed amico Arcisse de Caumont, con l’intento di contrapporre l’architettura romanza dei secoli X-XII a quella gotica, allora definitagermanica. Con il termine si voleva evidenziare il contemporaneo sviluppo delle lingue romanze e richiamare un collegamento con la monumentalità dell’architettura romana antica.
Il romanico rinnovò principalmente l’architettura e la scultura monumentale, quest’ultima applicata all’architettura stessa (come decorazione di portalicapitellilunettechiostri…). Il nuovo stile in realtà non nacque in Francia come molti pensano, ma sorse contemporaneamente in quasi tutta l’Europa, con caratteristiche comuni, che fanno dire che si tratta della medesima arte, pur con alcune differenze specifiche per ogni regione/nazione.
Ci furono uno studio e una riscoperta delle tecniche costruttive su scala monumentale dell’architettura romana (un altro collegamento evocato dal nome “romanico”), che permisero un recupero sostanziale di modelli antichi, a differenza dei precedenti recuperi “aulici” delle scuole di corte fiorite nelle epoche precedenti. In architettura vennero ripresi dall’arte antica il senso della monumentalità e della spazialità, ed usati estensivamente alcuni elementi particolari come l’arco a tutto sesto, il pilastro, la colonna e la volta.

ARCHITETTURA ROMANICA:

Innescati più circoli virtuosi nella società dell’epoca romanica, ripercossero anche sulla produzione architettonica, con murature più regolari, pietre dalla forma perfettamente squadrata, uso della copertura a volte anche su grandi spazi.
Elementi dell’architettura romanica si erano affermati in Germania già all’epoca degli imperatori ottoniani, raggiungendo la Francia (soprattutto Borgogna e Normandia) e l’Italia settentrionale, centrale (Romanico lombardo e Romanico pisano) e meridionale (Romanico pugliese).
Generalmente l’epoca romanica viene suddivisa in tre periodi: un primo romanico (intorno al 1000); una fase di maturazione (circa 10801150) che vede perfettamente sviluppato il repertorio formale dello stile; infine una terza fase (11501250), limitata all’ambito germanico e parallela al neonato Gotico francese. I principali edifici pervenutici dell’epoca romanica sono sicuramente chiese ed altri edifici religiosi, essendo quasi del tutto perduti o profondamente stravolti in epoche successive gli esempi di edilizia civile monumentale, quali rocche e castelli.
Nel XIX secolo la scuola positivista volle riconoscere come elemento qualificante dell’architettura romanica l’uso delle coperture a volta, in particolare delle volte a crociera, una semplificazione forse un po’ forzata dal voler vedere un’evoluzione lineare tra arte alto medievale e arte gotica, che non corrisponde pienamente alla realtà. Se da un lato infatti edifici chiave dell’architettura romanica quali il Duomo di Modena o San Miniato al Monte di Firenze o la chiesa Abbaziale di Saint-Etienne a Caen furono inizialmente coperti concapriate, solo in seguito sostitute da volte, dall’altro lato l’uso delle volte a crociera, sebbene su zone più piccole, era già presente fin dall’inizio dell’XI secolo in area germanica e lombarda, come nella chiesa di Santa Maria Maggiore a Lomello. Anche la caratteristica dell’uso di arcate cieche sulle pareti esterne è un motivo tipico sì del romanico, ma in uso senza soluzione di continuità in certe zone europee sin dall’epoca paleocristiana.
L’impianto planimetrico più frequente delle chiese romaniche era la croce latina; la navata veniva scandita in campate ritmiche: alla campata quadrata della navata centrale in genere corrispondevano nelle navate laterali due campate pur esse quadrate ma di lato dimezzato. La cripta originariamente era limitata alla zona sottostante il coro, poi venne estesa come cripta a sala, quasi a creare una seconda chiesa inferiore. Nelle coperture delle cripte si trovano i primi tentativi di volte a crociera, che intorno all’XI secolo vennero impiegati anche nelle navate laterali. A partire dal 1080 fanno la loro comparsa nuovi tipi di copertura: volta a botte in Spagna e in Francia, spesso a sesto acuto (BorgognaPoitou); cupole (Aquitania), volta a costoloni in Lombardia e a Durhamvolta reticolare in Germania.
Per quanto riguarda le aperture e la luce, in un primo momento le chiese romaniche erano senz’altro più buie di quelle paleocristiane, per la minore presenza di finestre e la loro dimensione più piccola, retaggio dell’architettura dell’ alto cane, che non era in grado di costruire palazzi di grandi dimensioni.
A volte le pareti esterne erano scandite da arcate cieche; mentre come entrata si utilizzavano portali a strombo, arricchiti con figurazioni scultoree ricavate nello strombo stesso.

SCULTURA ROMANICA:

La scultura romanica nacque in stretto rapporto con l’architettura, decorando capitelli, architravi e archivolti di finestre e portali.
Ci fu una ripresa in più centri della scultura su scala monumentale (a Tolosa, a Moissac, a Modena, in Borgogna e nella Spagna settentrionale) a partire dall’XI secolo. Grazie a svariate influenze gli scultori crearono un repertorio del tutto nuovo, interpretando liberamente secondo sotto-scuole regionali. Si ebbero raffigurazioni del mondo animale e vegetale, oppure figurazioni e narrazioni legate ai testi sacri.
In particolare cambiò anche il pubblico che fruiva delle rappresentazioni, non essendo più una ristretta élite ecclesiastica o imperiale, ma un ben più ampio bacino di persone di strati sociali e culturali diversi.
I principali scultori in Italia furono Wiligelmo, attivo sicuramente al ModenaNonantola e forse Cremona (e alcuni membri della sua bottega anche a Piacenza), Nicholaus (Sacra di San MicheleSant’Eufemia aPiacenzaCattedrale di PiacenzaFerraraVerona, forse anche a Parma) e, allo scadere del secolo XII, Benedetto Antelami, che si firmò esplicitamente nella lastra della Deposizione del 1178, già parte di un pulpito, ora murata nella Cattedrale di Parma, più cripticamente nel Battistero, sempre a Parma, iniziato nel 1196. Numerose sono le opere riconducibili agli allievi dell’Antelami, come i Mesi del Maestro dei Mesi, già su un portale distrutto della Cattedrale di Ferrara.

PITTURA ROMANICA:
Con il termine pittura romanica si suole definire tutte quelle forme artistiche manifestatesi nell’Europa occidentale e centrale all’incirca tra la metà dell’XI secolo e la metà del XII secolo, con sensibili variazioni da una regione all’altra.
Otto Demus, non potendo avvalersi di raffronti stilistici validi per tutta Europa, scelse, per determinare l’inizio della pittura romanica, una serie di date comprese entro il terzo quarto dell’XI secolo, subì un inarrestabile processo di disgregazione e svuotamento; con momenti e aspetti particolari nei diversi paesi, che vanno dal manierismo (il cosiddetto Zackenstil in Germania e Austria, prolungatosi fino alla fine del Duecento), ad un nuovo classicismo (il cosiddetto «stile 1200»), fino all’accentuazione del mai perduto influsso bizantino.
In Umbria gli affreschi della chiesa di San Pietro in Valle a Ferentillo con Storie dell’Antico Testamento (fine dell’XII secolo), mostrano un plasticismo ed una espressività di influenza classicheggiante che non hanno riscontro nella coeva pittura su tavola, rappresentata dalle croci lignee sagomate, di severa ieraticità con la raffigurazione del Christus triumphans, prima della svolta iconografica di fine del XII secolo dei drammatici Cristi morenti (Christus patiens).
La pittura romanica presenta una sensibilità tormentata che rappresenta soprattutto i temi più drammatici della religione: pene infernali, vizi, apocalissigiudizio universale.

Fonti: Wikipedia

Percorso Prezi iTec 5 (3° Punto – Leoni nell’arte Romanica)

LEONI NELL’ARTE ROMANICA:
(Ricerca eseguita seguendo il percorso elaborato su Prezi; per vedere il nostro Prezi cliccare sul seguente link: https://h2team3.wordpress.com/2014/04/08/la4-address/ )

Poche e vaghe sono le informazioni sui leoni nell’arte Romanica.
Altrettanto poche ma ben più importanti sono le fonti che legano la famiglia degli Altavilla alle figure leonine.
Infatti a quanto pare i leoni furono così importanti per questa famiglia dal momento che adottarono quest’animale come vero e proprio simbolo araldico; inoltre anche altri edifici come la basilica di San Nicola a Bari, ideata probabilmente da Roberto il Guiscardo per darla in dono all’arcivescovo Ursone, legati alla famiglia degli Altavilla e all’arte romanico-normanna presentano decorazioni date da leoni stilofori a dimostrazione del ruolo che la figura del leone giocasse.

Fonti: Wikipedia

Percorso Prezi iTec 5 (2° Punto – Sculture di leoni)

SCULTURE DI LEONI:
(Ricerca eseguita seguendo il percorso elaborato su Prezi; per vedere il nostro Prezi cliccare sul seguente link: https://h2team3.wordpress.com/2014/04/08/la4-address/ )

 

Il leone (in particolare il leone maschio) ha sempre esercitato un grande fascino sull’uomo. In numerose culture, esso viene usato come simbolo di virtù e qualità positive come forza, fierezza, maestosità, nobiltà e coraggio. La similitudine con il leone, usata per lodare i potenti e gli eroi, è una della più usate di tutti i tempi, dall’Achille di Omero al feldmaresciallo austriaco Borojević detto il “leone dell’Isonzo“. Nella cultura moderna popolare, questo ruolo simbolico del leone viene rappresentato anche da frasi di uso comune come “sentirsi un leone” (sentirsi nel pieno delle forze), “fare la parte del leone” (dominare una certa situazione) o “essere coraggioso come un leone”. L’identificazione del leone con il “re degli animali” (originaria del mondo classico) arricchisce la sua immagine di ulteriori significati metaforici.

Oltre che in senso positivo, il leone ha colpito l’immaginario umano anche per la sua aggressività e potenziale pericolosità per l’uomo; rappresenta uno degli archetipi di fiera. A causa del restringersi del suo areale, in epoca storica fu in particolare associato con l’idea di una belva esotica; i Romani per esempio usavano l’espressione Hic sunt leones(“qui ci sono i leoni”) per indicare, nelle cartine, le regioni inesplorate (e quindi pericolose).

Il leone è un soggetto molto diffuso in tutte le forme di arte figurativa, in particolare in scultura ed architettura. Statue di leoni sono spesso poste all’ingresso di palazzi, ponti o altre strutture architettoniche, con la funzione simbolica di guardiani.

Rappresentazioni di leoni (e in particolare di leoni delle caverne) si trovano già nell’arte preistorica: disegni di leoni si trovano per esempio nella celebre Grotta Chauvet, uno dei siti più antichi relativi al paleolitico europeo. Fra le numerose rappresentazioni di leoni o sfingi nell’arte egizia, particolarmente celebre è la Grande Sfinge di Giza.

Il leone era una tema frequente nell’arte delle antiche civiltà mediorientali e mesopotamiche. A titolo di esempio, bassorilievi rappresentanti dei leoni comparivano sulla porta di Ishtar, una delle Sette meraviglie del mondo (VI secolo a.C.).

Nel sito archeologico di Sigiriya, in Sri Lanka, si trova un ponte il cui ingresso ha la forma di una enorme bocca di leone spalancata. Il sito risale al V secolo a.C. ed è unpatrimonio dell’umanità UNESCO. Una particolare stilizzazione del leone nota come leone cinese compare in modo ricorrente nella scultura e nell’architettura della Cina antica e medioevale. Fra le strutture più celebri decorate con leoni c’è la Città proibita (edificata a partire dal XIV secolo), in cui coppie di leoni cinesi di pietra sono poste a guardia di quasi tutte le porte di ingresso.

Nella scultura e nell’architettura rinascimentale e moderna il leone è rimasto un tema molto diffuso. Esempi del XIX secolo sono i quattro leoni di bronzo di Trafalgar Square, aLondra, i leoni a guardia dell’ingresso del Britannia Bridge in Galles e del Ponte delle catene di Budapest. Del XX secolo sono invece i leoni Patience e Fortitude a guardia dellaBiblioteca Pubblica di New York.

File:Great Sphinx of Giza - 20080716a.jpg
Esempi di sculture leonine: Sfinge di Giza

File:Mycenae lion gate detail dsc06384.jpg
Esempi di sculture leonine: Ingresso della città di Micene

Fonti: Wikipedia

 

Percorso Prezi iTec 5 (1° Punto – Arti nella Santissima Trinità di Venosa)

ARTI NELLA SANTISSIMA TRINITA’ DI VENOSA:
(Ricerca eseguita seguendo il percorso elaborato su Prezi; per vedere il nostro Prezi cliccare sul seguente link: https://h2team3.wordpress.com/2014/04/08/la4-address/ )

Il complesso della Santissima Trinità è tra i più importanti siti monumentali di Venosa, il cui interesse si deve al fatto che nell’abbazia contiene la stratificazione di tracce ereditate principalmente da RomaniLongobardi e Normanni. La struttura si compone della chiesa antica (o chiesa vecchia), a cui dà accesso l’entrata principale, e della chiesa Incompiuta (o chiesa Nuova), la cui costruzione non fu mai portata a termine. È riconosciuto monumento nazionale conregio decreto dal 20 novembre 1897.

LA CHIESA ANTICA:
La chiesa preserva un impianto in stile paleocristiano, strutturato da una pianta basilicale romana con un’ampia navata centrale e l’abside posta sul fondo, ma nel corso del tempo ha subito varie mutazioni a partire dal VII secolo, fino agli apporti di ricostruzione e restauro ad opera di Longobardi (nel X secolo) e Normanni (tra il XI ed il XIII secolo).
L’ingresso della Chiesa, in stile romanico, esibisce sul lato sinistro due sculture di leoni in pietra e quattro sporgenze, che corrispondono ad altrettante facciate sovrapposte l’una all’altra nel corso dei secoli. Da destra verso sinistra: la prima sporgenza è di epoca normanna tra il XI e XII secolo; la seconda è longobarda, datata il X secolo; la terza è del VIII-IX secolo e la quarta è l’entrata laterale della Basilica Paleocristiana, al momento chiusa.
Varcando la soglia dell’edificio, si possono rimirare varie sculture di civiltà eterogenee, perlopiù romane, e la cosiddetta Colonna dell’Amicizia, opera romana sormontata da un capitello bizantino. La Colonna venne chiamata così perché dice la tradizione che girarvi intorno tenendosi per mano sia un presagio di eterna amicizia e per le giovani spose che si comprimano tra colonna e parete, un augurio di fecondità.
Poco prima dell’ingresso della Chiesa, vi sono due facciate. La prima è costituita da un portale realizzato dal Maestro Palmieri nel 1287 e, alla sua sinistra, è osservabile un grande affresco del XV secolo che raffigura San Cristoforo. La seconda facciata è composta dal massiccio arco del porticato, seguito da altri due archi, sovrastati da una galleria di piccoli archi ciechi. Vicino alla facciata si trova la scalinata che conduce al Monastero.
INTERNO:
La parte interna della Chiesa occupa una superficie di circa 1000 metri quadrati mentre l’altezza del soffitto, al centro dell’edificio, misura poco più di 10 metri. L’impostazione architettonica è di tipo paleocristiano. La navata centrale è divisa in altre quattro costituite da grandi archi (otto a destra e sei a sinistra) larghi 10,15 metri, escluso lo spessore dei pilastri. L’abside è posta sul fondo ed ha una forma semicircolare con raggio di 3,95 metri. Di fronte ai due pilastri d’angolo della navata si erigono due colonne di circa 5,40 metri, adornate da capitelli romani in stile corinzio.
Nella navata destra si trova La Tomba degli Altavilla, luogo funerario di Roberto il GuiscardoGuglielmo “Braccio di Ferro”,UmfredoDrogone e Guglielmo d’Altavilla, esponenti illustri della famiglia omonima che provenienti dalla Normandia come guerrieri mercenari agli inizi dell’anno mille, diedero l’avvio al primo regno unitario nell’Italia meridionale. I corpi un tempo riposavano in sarcofagi singoli, e le loro ossa vennero riunite nell’arca alla metà del Quattrocento. Della tomba del Guiscardo, attraverso i documenti, ci è noto l’epitaffio in cui egli era soprannominato Terror Mundi.
Nella navata sinistra si trova invece La Tomba di Alberada di Buonalbergo (chiamata anche Aberada), moglie di Roberto il Guiscardo. La donna sposò Roberto nel 1053 ma venne da lui ripudiata per la principessa longobarda Sichelgaita di Salerno. Aberada ebbe anche un figlio dal Guiscardo, Boemondo I d’Antiochia, eroe della Prima Crociata, che morì a Canosa nel 1111 ed ivi è sepolto. Sull’architrave del monumento campeggia un’iscrizione in latino che attesta la sua sepoltura:

(LA)
« GVISCARDI CONIVX ABERADA HAC CONDITVR ARCA / SI GENITVM QVÆRES HVNC CANVSINVS HABET »
(IT)
« Aberada, moglie del Guiscardo, è sepolta dentro quest’arca. Se cercherai il figlio, Canosa lo possiede »

Accanto alla tomba di Aberada vi è il sepolcro di Raffaele ed Emilio Acciaiuoli (XV secolo), originari di Firenze e signori Melfi. Sempre nella navata sinistra troviamo una pavimentazione di mattoncini appartenente alla Basilica Paleocristiana e, in successione ad un piano inferiore, un mosaico sul pavimento di “domus romana” del periodo imperiale (II-III secolo d.C.).

CHIESA INCOMPIUTA:
L’edificio venne iniziato con l’impiego di materiali provenienti da monumenti di svariate civiltà, tra cui romana, longobarda ed ebraica. Il suo progetto risale al XII secolo, quando la Chiesa Antica venne giudicata un luogo inadatto di contenere un certo numero di fedeli, quindi si optò di architettare un vasto ampliamento dietro l’abside, con il fine di creare un’unica grande basilica.
Si dice che i lavori, sovvenzionati dai Benedettini, iniziarono verso la metà del 1100 ma i ritmi andarono man mano scemando, a causa dell’altalenante patrimonio dei Benedettini e anche perché questi furono costretti ad abbandonareVenosa, causa la soppressione del loro Monastero per volere del papa Bonifacio VIII nel 1297. Costui assegnò, nello stesso anno, il complesso ai “Cavalieri dell’Ordine dell’Ospedale di San Giovanni di Gerusalemme” (in seguito noti come Cavalieri di Malta), i quali persero i propri possedimenti in Palestina durante l’Ultima Crociata.
L’Ordine non prestò attenzione all’impianto monastico della nuova chiesa e stanziò il proprio quartier generale all’interno di Venosa, precisamente nel “Palazzo del Balì”. Da quel momento, la struttura non venne più completata. Ad ogni modo, vennero attuati altri interventi come il portale nel XIV secolo e il campanile a vela nel XVI secolo, ma a livello architettonico la Chiesa Incompiuta rimase tale. Oggi il monumento è affidato all’antico ordine dei Padri Trinitari.
INTERNO:
L’ingresso, travalicato da un arco semicircolare, evidenzia una lunetta decorata da una iscrizione propiziatoria che chiede la protezione di Dio sul Tempio e sui monaci, nonché la pace dello spirito e del corpo. Sopra la lunetta si trova l’agnello con la croce, ovvero il simbolo dell’Ordine dei Cavalieri di Malta. All’interno dell’Incompiuta, si posso trovare varie opere e ornamenti che appartenevano all’Anfiteatro Romano, come l’epigrafe della scuola gladiatoria di Salvio Capitone, che presenta un elenco di gladiatori che combattevano nell’Anfiteatro. Inoltre si possono ammirare vari bassorilievi come la Stele Funeraria dei Cinna, famiglia del console romano Lucio Cornelio Cinna e il Gruppo di tre Vipere, iconografia longobarda.

Fonti: Wikipedia